Home > Approfondimenti, VoIP > L'evoluzione del PBX

L'evoluzione del PBX

Il PBX (Private Branch eXchange) è una centrale telefonica per uso privato principalmente utilizzato nelle grandi aziende per fornire un sistema di comunicazione voce interno.
Il PBX è interconnesso alla rete pubblica, chiamata RTG(Rete Telefonica Generale) o PSTN(Post Office Telephone System), attraverso flussi dedicati tramite i quali instrada le chiamate dirette all’esterno dell’azienda.

Vecchio centralinoCentralinoI moderni centralini PABX (Private Automatic Branch eXchange), sono l’evoluzione elettronica della commutazione manuale, in cui l’operatore metteva in comunicazione, manualmente appunto, il chiamante con il chiamato.
In Italia la comunicazione telefonica automatica, senza uso di centralinista, arriva per la prima volta nel 1931 ma la completa automazione delle centrali telefoniche è avvenuta nei primi anni ’70.
Attualmente i termini PBX e PABX sono utilizzati come sinonimi, in quanto tutti i centralini esistenti sono ormai automatici.

permutatore.jpgDalla centrale telefonica, che sia essa pubblica o privata, la linea telefonica arriva all’utenza passando prima dal permutatore.
Dalla centrale telefonica partono cavi multi coppia che terminano nel retro del permutatore dove ad ogni posizione corrisponde un’utenza telefonica.
Dal permutatore la linea telefonica viene portata, attraverso il classico doppino telefonico, nelle case degli utenti.
Su ogni utenza del permutatore sono presenti più attacchi, ad ognuno dei quali corrisponde una diversa tipologia di servizio, come ISDN, ADSL e via dicendo.
Le cassette grigie Telecom che si vedono spesso in strada sono dei permutatori su cui arriva il cavo multi coppia che porta, fisicamente, le utenze dalla centrale pubblica.

Con l’evoluzione della tecnologia, e delle esigenze, i PABX sono stati affiancati da altri dispositivi hardware o software, integrati nelle centrali o esterni, utilizzati per fornire servizi aggiuntivi, come VoiceMail, CTI (Integrazione PC/Telefono), IVR (Interactive Voice Response) e via dicendo.
rj45.jpgL’avvento di internet ha spinto enormemente le tecnologie basata su IP(Internet Protocol) ed anche le centrali telefoniche si sono evolute nella stessa direzione diventando ormai capace di veicolare contenuti multimediali.

Gli IP PABX anziché trasportare la voce sul classico doppino telefonico in rame utilizzano la rete IP, che sia essa privata (LAN Local area network) o pubblica (Internet).
Le moderne centrali telefoniche IP possono essere composte da apparecchiature hardware o da software ed in entrambe i casi i servizi offerti sono praticamente identici.

La centrale hardware è caratterizzata da costi di acquisto e gestione molto più alti, ma garantisce, almeno nella quasi totalità dei casi, una qualità del servizio maggiore.
CLI Asterisk
L’IP PABX software, tra cui il più famoso è Asterisk, ha dei costi di gestione inferiori, di solito si tratta di uno o più servizi che girano su server dedicati.

In entrambe i casi gli IP PBX possono essere interconnessi alla rete telefonica pubblica, o privata, attraverso dei dispositivi chiamati Media Gateway, che si occupano di trasportare la voce da IP a PSTN e viceversa.

L’IP PBX sfrutta protocolli IP che possono essere standar, come il SIP o proprietà di aziende specializzate nel campo del trasporto della voce e dei dati, come ad esempio Cisco o Nortel Networks.

  1. Giovanni La Magna (T
    30 Novembre 2007 a 12:05 | #1
  2. 30 Novembre 2007 a 14:13 | #2

    Caro Sig. La Magna,
    la ringrazio per le precisazioni.

    Non mi trova in pieno accordo per quanto concerne i multi coppia che, come lei afferma, partirebbero dal permutatore.

    Dalla centrale al permutatore ci sono comunque cavi, multi coppia, che trasportano le linee, che, a mio avviso, iniziano dalla centrale e passano dal permutatore, per mezzo del quale vengono poi distribuite all'utenza finale.

    Mi trova in pieno accordo sul fatto degli armadi di distribuzione che ho erroneamente chiamato permutatori.

  3. 25 Aprile 2008 a 23:43 | #3
  1. 18 Settembre 2007 a 13:43 | #1

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano "prodotto editoriale" ex L.62/2001.
Testi, immagini, loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.


Web Statistics